Valentina Nappi difende il collega James Deen: “È uno str…, ma non uno stupratore”

“È uno str… manco troppo dotato, ma non è uno stupratore”. Valentina Nappi alla riscossa in difesa di James Deen, il pornostar accusato di violenza sessuale da colleghe ed ex fidanzate. Ospite al programma radiofonico la Zanzara, l’arringa della pornoattrice è irrefrenabile.

LGG_20130327_29262_l43_valentina_nappi_120319153859_big

“Con James dopo mezz’ora non sentivo più nulla. È uno di quei ragazzi che devono compensare la mancanza di qualcosa con la dominazione – continua Nappi -. Anche con me è stato violento, gli ho dato due schiaffi e ha smesso. Moltissime ora stanno cavalcando la storia. Quando sono andate a prendere l’assegno nessuna ha parlato e adesso ne approfittano”.    Non è tutto. “Dare ragione a prescindere alle donne solo perché hanno una vagina – spiega è sessista. Probabilmente quello che ha detto l’ex fidanzata Stoya è vero. Ma io parlo delle accuse sul set. In alcune scene esagerava, ma lo stupro no. Lui ha il mio supporto fino a quando non verrà dichiarato colpevole”.  La pornodiva, incontenibile a 360 gradi, passa a parlare di attualità. “Il Vaticano ci porta indietro, ci fa regredire, se non ci fosse sarebbe meglio. Ha fatto un sacco di schifezze. La gente che va al Giubileo è gente che soffre e si attacca a qualcos’altro”. E sull’ascesa in Francia di Marine Le Pen: “La Le Pen mi fa schifo, è tutto triste, mi viene voglia di tornare subito in America. Non è facendo i razzisti e i nazionalisti che si risolvono i problemi di terrorismo”.

E conclude: “Io sono fiera di essere tr… assolutamente. Fino a quando riesco a fare su e giù con le gambe farò i porno, mi devono ammazzare per smetterla”.

Valentina Nappi difende il collega James Deen: “È uno str…, ma non uno stupratore”ultima modifica: 2015-12-10T11:06:52+01:00da elliaellia
Reposta per primo quest’articolo